LIDIA MENAPACE: RICORDO DEL 25 LUGLIO 1943

20160725_121025.jpgRicevo e divulgo queste righe
…ovvero la caduta del Fascismo

Me lo ricordo bene il 25 luglio del  ’43, un giorno di pura gioia. In qualsiasi grado di vicinanza lontananza sostegno opposizione al Fascismo ciascuno/a si trovasse, quel giorno rappresentava la gioia di poter dire, gridare, urlare:”E’ FINITA!” Si intende la guerra, ma anche il regime fascista, che -pur essendo stato davvero popolare per un bel po’ di anni, -aveva avuto un brusco calo, quando Mussolini il 10 giugno 1940 dichiarò la guerra schierando l’Italia a fianco di Hitler, dicendo pubblicamente:”mi servono alcune migliaia di morti per potermi sedere al tavolo dei  vincitori”. Questa frase non gli fu perdonata  e fece scadere  il “Capo” del governo e “Padre” della Patria a uno che pensa  solo al suo vantaggio a qualsiasi costo.
Sicché quando l’otto settembre del ’43, dopo tre anni di guerra cruentissima e sfortunata, con morti più civili che militari battaglie bombardamenti sulle città fame disastri la Russia ecc. ecc. il re e Badoglio  annunciarono l’armistizio con gli Alleati, nessuno pensò al peggio:  la frase col suo fraudolento messaggio :”la guerra continua” passò quasi inosservata. I giovani che erano sotto le armi dalle caserme fuggirono per andare a casa, dopo l’annuncio dell’armistizio e solo allora si accorsero che la Wehrmacht che durante tutta l’estate era calata ad occupare gran parte del nostro paese li considerava “Banditi” sparabili a vista senza processo. Ma quasi tutti invece furono presi in casa dalle donne che ricoverarono il nostro esercito e lo salvarono. Considero questo il primo grande atto della nostra Resistenza, e non solo un maternage, perchè chi prendeva in casa un giovane doveva dargli da mangiare e con la tessera si moriva di fame; e se catturavano a casa tua un “Bandito” lui lo fucilavano. Ma casa tua la bruciavano. Nè i guardaroba domestici erano così forniti, che ciascuna famiglia avesse molti ricambi d’abito.
Mi ricordo mia madre che , quando fu preso mio padre che era stato richiamato proprio l’estate del ’43,  e per mesi non sapemmo nulla di lui, soleva dire, “qualche donna aiuterà papà come noi aiutiamo i figli” E quando mio padre per buona sorte tornò dopo 24 mesi di durissima prigionia, raccontava che nel campo di Przemysl in Polonia le donne buttavano qualche sacco di patate e forme di pane benchè i soldati tedeschi le respingessero con le baionette in petto. “questa è l’economia delle donne!”diceva la mamma. Che quando mio padre tornò nell’agosto del 1945, per una frazione di secondo non lo riconobbe tanto era smagrito stracciato sporco pieno di pulci, un barbone e solo al suo cenno di sorriso lo prese in casa abbracciato stretto nonostante le pulci.
Mio padre per un paio d’anni non parlò della prigionia. Al suo arrivo aveva detto solo:”Qualunque cosa la Germania abbia fatto, ha pagato abbastanza: é tutta una rovina. Ma non ci disse di perdonare, disse:”non dobbiamo ripetere gli errori di Versailles, perchè se ora buttiamo addosso al popolo tedesco una pace vendicativa e insopportabile, si ribellerà”.
Ecco una “lezione di storia” di quelle alla buona, ma vera, Lidia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: