TERREMOTO: PRESENTATA INTERROGAZIONE AL SINDACO PERCHÉ LA SOLIDARIETÀ È IMPORTANTE, LA PREVENZIONE DI PIÙ

FB_IMG_1472069267454Il grave sisma che ha colpito le regioni del centro Italia ha fatto partire una gara di solidarietà che vede molte persone, molte associazioni, partiti e centri sociali impegnati nel procurare aiuti economici e in beni di prima necessità a chi ha avuto la fortuna di sopravvivere al sisma.

Tutto ciò ormai si ripete, purtroppo, nel nostro paese da sempre, con modalità che costituiscono quasi un macabro rito: il sisma, la corsa per mettere in salvo il piu alto numero possibile di persone, la conta dei morti, i funerali magari in diretta tv, le gare di solidarietà, gli SMS alla protezione civile, la mobilitazione per fornire i primi alloggi temporanei (ma i limiti temporali sono sempre indefiniti) post tendopoli,  la ricostruzione delle scuole, le lacrime, i voli di Stato, le autorità che sfilano, poi le polemiche su costruzioni, ricostruzioni, restauri, le inchieste interminabili,  la ricerca delle responsabilità.

Tutto ormai scontato, già visto, disgustosamente uguale.

È vero, la solidarietà è importante e lo è non solo perché consente di fornire fondi e beni, ma anche perché non fa sentire sole le vittime del sisma, perché unisce, perché, come accaduto in quest’ultimo sisma in cui profughi e cittadini erano insieme, fianco a fianco a scavare, annulla le distanze create spesso ad arte da chi si nutre di retorica dell’odio per costruire il suo discorso pseudopolitico.

Però non possiamo fermarci a queste complesse e importanti azioni, che portano la nostra provincia a essere capofila nelle operazioni di ricostruzione e la nostra protezione civile a essere modello di organizzazione ed efficacia.

Non possiamo fermarci qui, ma dobbiamo lavorare perché mai, nel nostro territorio  si ripeta il rituale già visto.

Ecco dunque che, come prima azione, ho presentato ieri una INTERROGAZIONE CON RISPOSTA SCRITTA al sindaco,  con l’intenzione di acquisire informazioni tecniche, primo passo per avviare un percorso politico che spinga chi amministra la città a investire in prevenzione e adeguamenti alle norme antisismiche di edifici pubblici e privati, perché di lacrime ormai ne abbiamo versato troppe.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: