DAL FORUM SULLA SINISTRA CHE C’È MA FORSE NON C’È, CI SARÀ, MA FORSE GIÀ C’ERA

Il Manifesto ha pubblicato il resoconto del forum, momento di sintesi e di riflessioni condivise tra alcune figure note della “sinistra”.

Anche in questa occasione sottolineo l‘egemonia maschile uomini 5 (Acerbo, Asor Rosa, D’Alema,  Fratoianni, Villone) donne 1 (Falcone) e ricordo che nel frattempo c’è una donna di sinistra che sta facendo cose di sinistra (quindi coerenti con quanto auspicato da Anna Falcone) da quando è stata eletta con una lista unitaria (udite, udite, già c’è una lista unitaria di sinistra pacifista e antiliberista) che ha superato lo sbarramento (primo e unico caso in Italia di lista unitaria di sinistra che supera uno sbartamento) ed è entrata nel Parlamento Europeo dove fa parte del GUE/Ngl , insieme a Curzio Maltese e Barbara Spinelli, eletti entrambi con la lista Altra Europa con Tsipras

Questa donna, Eleonora Forenza (nella foto in alto a sinistra con Elena Mazzoni e Rosa Rinaldi, ieri fermata ad Amburgo, (foto a destra) perché lei ci mette la faccia, il nome, il corpo nelle lotte e nelle proteste, in questo caso contro il G20, forse avrebbe qualcosa da raccontare del suo essere femminista, di sinistra, in un’istituzione importante, in cui coniuga bene le istanze dei movimenti e quelle della rappresentanza.

Scrive di lei Assunta Signorelli, psichiatra basagliana femminista e autrice di testi interessanti;

Scrivo sull’onda di un’emozione che non riesco a frenare, un’emozione suscitata dal muoversi di Eleonora e che mi fa dire: queste sono le persone che mi rappresentano, che danno corpo e anima al voto, alla delega che ho loro conferito. Si lo so io non votavo nella sua circoscrizione ma allora mi son data da fare perché i miei amici e le mie amiche sudicie (=del sud), e alcuni ancora mi ringraziano, la votassero. Non mi risulta che altri o altre, anche tra chi in questi anni ha lasciato il PD, si muovano in questo modo anzi. E allora lo dico perché in questo periodo ho seguito il nostro dibattito intervenendo poco, io voterò solo persone di cui posso fidarmi e che non dissociano il loro agire dal pensiero politico. Non mi interessa una sinistra purché sia, che mette insieme il meno peggio.
Eleonora sta dimostrando che si può tener insieme la politica del palazzo e quella della vita quotidiana, rappresentare con coerenza le aspirazioni delle persone che quotidianamente vivono una realtà difficile e aspra. Grazie Eleonora

E se Eleonora Forenza è europarlamentare femminista e di sinistra radicale, non è l’unica donna di sinistra che forse avrebbe qualcosa da dire.

Nel video, per esempio, insieme alla ormai nota Anna Falcone, che però vuole andare oltre l’etichetta di sinistra radicale, è riportato un efficace breve intervento di Lucilla De Vito Franceschi (nella foto a destra con Claudia Moriggi)attivista dell’altra Europa con Tsipras e candidata alle ultime elezioni amministrative per il Municipio VII nella lista Sinistra per Roma.

Del forum (nella foto a sinistra due post, uno mio e uno di Roberto Musacchio) riporto  solo il contributo di Maurizio Acerbo,  sia perché trovo le sue parole corrispondenti al mio pensiero, sia perché gli altri interventi si possono leggere sul giornale, che è meglio comprare se non vogliamo farlo morire.

Dice Acerbo:

Noi lavoriamo con il massimo impegno affinché ci sia una lista unitaria a sinistra, la proponiamo da anni, non so però se sia la stessa lista a cui pensa D’Alema.

Una lista pacifista, antiliberista ed ecologista c’è in tutti i paesi europei. In Italia no perché da noi la forza dell’ideologia neoliberista è tale che molti di quelli che dovrebbero concorrere con noi a fare quello che i compagni di Podemos fanno in Spagna, Syriza fa in Grecia e Mélenchon fa in Francia continuano a ragionare in termini di centrosinistra.

I problemi vanno un po’ oltre l’anti-renzismo.

Io spero che si sviluppi una grande forza politica del centrosinistra europeo ma in Italia non vedo nessun Corbyn e nessun Sanders. Persone che diventano degli eroi popolari perché per 30 anni hanno tenuto fede agli ideali della loro gioventù opponendosi al neoliberismo e alla guerra.

Bisogna rendersi conto che Renzi non è il frutto del destino cinico e baro ma è l’esito del percorso che c’è stato nel Pd, in quel centrosinistra che non ha abolito il cumulo dei vitalizi né è stato capace di accettare la sfida di Grillo su Rodotà presidente della Repubblica.

Non sono d’accordo con D’Alema, non è passata a destra la base sociale della sinistra, sono stati i dirigenti della sinistra che per quella base sono passati dall’altra parte.

E allora è ovvio che i più deboli, quelli che stanno in basso quando non ha punti di riferimento vanno da tutte le parti.

Nel Regno Unito gli stessi che avevano votato per la Brexit sfogando a destra la loro rabbia sociale, hanno votato Corbyn spostando a sinistra l’asse del paese.

Rifondazione comunista e Sinistra italiana dovrebbero allora lavorare alla costruzione di una grande forza politica riconoscibile di sinistra.

Anche perché se non ci fosse un’altra sinistra rispetto a quella di piazza Santi Apostoli, condanneremmo la gente a scegliere tra l’astensione e il voto al Movimento 5 Stelle.

Ci viene proposto di essere una ruota di scorta invisibile al progetto di Pisapia e Bersani?

No grazie.

Dopo di che non escludo che, come in Spagna e in Portogallo, la sinistra possa poi sfidare le forze socialdemocratiche a governare insieme.

Ma dopo che è stata capace, com’è in Spagna e Portogallo, di costruire una prospettiva autonoma. Sto parlando di formazioni politiche che hanno il venti per cento.

Annunci

Un commento

  1. L’ha ribloggato su Sinistra Newse ha commentato:

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: